Bonus verde 2018 | ville, siepi, terrazzi, giardini, balconi: come ottenere il rimborso dei lavori di ristrutturazione o di nuova progettazione degli spazi verdi

Il Bonus Verde 2018: come ottenerlo

0

Il Bonus Verde 2018 è la nuova agevolazione fiscale connessa agli interventi di “sistemazione a verde” degli immobili, incluso nella Legge di Bilancio 2018. La detrazione massima è di € 1.800 per immobile (36% di € 5.000).

Chi ha diritto al Bonus Verde

Può beneficiare della detrazione chi possiede o detiene, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile oggetto degli interventi e che ha sostenuto le relative spese.
Gli appassionati di giardinaggio, chi possiede ampi terrazzi da decorare con fiori e piante, chi vuole rendere l’orto della casa in città un bellissimo angolo verde, chi ha intenzioni di ristrutturare il verde della villa al mare o della baita in montagna.

Cosa comprende il Bonus Verde

Il Bonus Verde 2018 prevede una detrazione Irpef del 36% sulle spese dedicate a giardini, terrazzi, balconi. Gli interventi riguardano soprattutto ville, villini e palazzi di pregio ma anche normali condomini.
Il Bonus Verde è valido sulle spese sostenute per:

  • sistemazione a verde di aree scoperte di edifici privati, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni
  • realizzazione di coperture a verde
  • realizzazione di giardini pensili
  • progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi
  • interventi sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali, inclusi nelle spese condominiali. In questo caso, ha diritto alla detrazione il singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile, a condizione che la stessa sia stata effettivamente versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi e vale sempre il tetto massimo di € 5.000 per unità abitativa.

E ancora altri interventi per cui è riconosciuto il Bonus Verde:

  • riqualificazione di tappeti erbosi
  • realizzazione di impianti di irrigazione
  • fornitura e messa a dimora di piante o arbusti di qualsiasi genere o tipo
  • restauro e recupero del verde relativo a giardini di interesse storico e artistico
  • realizzazione di coperture a verde
  • realizzazione di pozzi

Come ottenere il Bonus Verde

Le spese devono essere sostenute entro il 31 dicembre 2018.
La detrazione va ripartita in dieci quote annuali di pari importo e va calcolata su un importo massimo di € 5.000 per unità immobiliare a uso abitativo, comprensivo delle eventuali spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.
È importante seguire le indicazioni di rendicontazione imposte dal Bonus Verde, perché il pagamento delle spese deve avvenire attraverso strumenti che consentano la tracciabilità delle operazioni (per esempio, bonifico bancario o postale).

Quali interventi non sono inclusi nel Bonus Verde

Attenzione perché il Bonus Verde esclude dalla detrazione alcuni interventi, per esempio:

  • interventi di manutenzione ordinaria annuale di giardini preesistenti sia privati che condominiali (è ammessa invece la manutenzione ordinaria quando connessa ad un intervento idoneo al bonus)
  • cura di tappeti erbosi ad uso sportivo con fini di lucro
  • lavori compiuti dal proprietario che è anche contribuente sul proprio giardino o terrazzo

Quali acquisti posso detrarre con il Bonus Verde 2018

FAQ: domande e risposte sul Bonus Verde 2018

Il Bonus Verde è cumulabile?
Sì, il bonus è cumulabile su più immobili, cioè lo stesso soggetto può usufruirne per interventi su diversi immobili di proprietà.
Chi sono i beneficiari del Bonus Verde 2018?
Sono beneficiari del Bonus Verde i proprietari di unità immobiliare, anche nudi proprietari e titolari di altri diritti reali, o anche chi detiene la proprietà in base a un titolo idoneo, come locazione o comodato.
Cosa succede se la proprietà viene venduta o ereditata?
In caso di vendita, la detrazione non utilizzata viene trasferita, per i rimanenti periodi, all’acquirente dell’unità immobiliare, a meno di accordi diversi tra le parti. In caso di decesso dell’avente diritto, la fruizione del beneficio fiscale va all’erede proprietario del bene.
Dove trovo tutte le informazioni sul Bonus Verde 2018?
Puoi consultare il sito web delle Agenzie delle Entrate o rivolgerti alla sportello a te più vicino. La legge di riferimento è la Legge di Bilancio 2018 (Legge 205/2017) ed in particolare il Bonus Verde viene descritto dai commi 12, 13 e 14.
Posso ottenere il Bonus Verde sull’acquisto di un macchinario?
Sì se l’acquisto rientra in un progetto di rinnovamento globale del giardino. Questo vale per tutti gli acquisti di macchinari, purché siano destinati ad un’opera di sistemazione a verde progettata per la prima volta o al radicale rinnovamento del giardino.

Condividi sui social media:
FacebookTwitterGoogle+LinkedIn

lascia un commento